Frasassi

14:43

Frasassi_1Arrivano le ferie e si organizza qualcosa di foresto. A Frasassi negli anni c’ero già stato molte volte, in turistica e speleo-turistica. Mi mancava una escursione “full-speleo” per poter assaporare più liberamente questo capolavoro della natura (vedi video al termine di questo articolo). Tramite conoscenze di colleghi (grazie Maui!) trovo un contatto presso il GSU di Urbino (Enrico), che volentieri si offre di farci da guida.

Ci incontriamo la mattina presso un parcheggio a Genga. Sorpresa: si uniscono a noi una decina di persone dei gruppi speleo di Urbino e Genga, formando un bel gruppetto che subito si affiata (si fa amicizia immediatamente tra speleo… :-D ).

Arriviamo presto all’ingresso turistico dove, firmati i permessi, entriamo assieme ai visitatori, percorrendo rapidamente (troppo rapidamente! Anche se visto mille volte è sempre uno spettacolo) il percorso di passerelle, fino al punto estremo. Dopo di che scavalchiamo la balaustra e ci infiliamo in un passaggio. Un attimo di pausa per mettere a punto le illuminazioni a carburo che hanno i nostri ospiti e si parte. (Incredibile, ma (altro…)

Visita alla Grotta del Calgeron

14:55

Attività svolta il: 08-03-2015

Grotta del Calgeron - Galleria lavorata dall'acquaDopo un paio di mesi in cui abbiamo sostanzialmente sonnecchiato, l'attività speleologica è ripresa con una visita alla Grotta della Bigonda (14 febbraio) e il rilievo del nuovo ramo trovato nei mesi scorsi il Castel Sotterra (1 marzo). Oggi invece si va a visitare la Grotta del Calgeron, a Selva di Grigno, in Valsugana. Ci accompagnano gli amici del Gruppo Grotte Emilio Roner di Rovereto e del Gruppo Grotte Trevisiol di Vicenza.

Nei pressi del luogo dell'appuntamento ci viene incontro un'auto, il guidatore ci chiede “Siete speleo?”… si… “Andate in grotta oggi?”… beh, si! Al che ci invita a seguirlo. Dando per scontato che fosse uno del Roner venutoci incontro per portarci al luogo dell'appuntamento, lo seguiamo… fino alla sede del Gruppo Grotte di Selva! Strano, c'è qualcosa che non ci torna… ed infatti appena scende ci accoglie chiedendo “Allora, pronti per andare in Bigonda oggi?!” Bellissima grotta, nulla da dire, ma ci siamo stati il mese scorso! Capito l'equivoco torniamo sui nostri passi ed incontriamo gli altri che già ci stavano aspettando.

Per arrivare all'ingresso ci sono 250 m di dislivello, una quarantina di minuti di cammino su un sentiero delicato in caso di neve o ghiaccio; parte dei passaggi sta per (altro…)

Una domenica in Abisso Col de la Rizza

20:17

Attività svolta il: 7/12/2014

Abisso Col de la RizzaUna domenica mattina di Dicembre sulla piana del Cansiglio te l'aspetti ben più gelida, invece quando Dado, Lorena, Stefano (da Ferrara) ed io ci ritroviamo a incamminarci verso l'Abisso Col Della rizza, sembra quasi di essere ad Aprile.

Arrivati sul posto rimango colpito dall'ingresso: piuttosto aggressivo… non a caso l'armo comincia dall'esterno, aggirando a semicerchio la dolina che circonda l'entrata e tuffandosi infine giù, verso la stretta fessura che si apre nel fondo. Una volta dentro un traverso abbastanza scomodo da il via al famigerato P100(frazionato e armato in doppia) che comunque non riserva intoppi o sorprese di sorta.

Giunti nel fondo si apre il salone principale, poco più avanti Dado e Stefano si dedicano ad armare una risalita (scopo principale dell'escursione), mentre Lorena si presta a farmi da guida turistica per un paio d'ore nel resto della grotta. Il proseguo è piuttosto semplice, c'è poco da camminare e perlopiù si affrontano piccole calate di una decina di metri.

Si attraversano quindi il pozzo Nicoletta, la Sala dei Ferraresi e il Pentivio, tutti nomi che per un motivo o per l'altro mi era capitato di sentir citare qua e là in qualche frammento di conversazione, e ora vedo per la prima volta. In alcune zone la grotta è particolarmente bella e sono presenti soffitti concrezionati che meriterebbero (altro…)

Spluga della Preta

15:29

Attività svolta il: 22/11/2014

Gita ad una delle grandi classiche, la Spluga della Preta, in cui è stata scritta la storia della speleologia; consiglio vivamente di vedere il film “L'Abisso” di Francesco Sauro (link). Per i profani, la grotta inizia con uno spettacolare pozzo da 131 metri e continua con una sequenza di impressionanti verticali intervallate da stretti meandri; fatevi un'idea con queste meravigliose foto del S-TEAM (link). Noi siamo scesi alla base dei primi tre "pozzoni" (131, 108 e 88 metri), arrivando in Sala Paradiso.

Partiamo venerdì sera io e Dino, tappa a Resana dove uniamo le auto e ri-partiamo con Dado e Lorena alla volta della sede del GAM a Verona dove ci aspettano e ci daranno ospitalità per la notte (grazie ancora!). Rivediamo alcuni speleo conosciuti in un'uscita in Castel, chiacchiere, grappe aromatizzate fatte in casa, partita a calcetto in cui Dino e Dado stracciano i Veronesi e poi io e Lorena rimaniamo a giocare a “i costruttori del medioevo”, un gioco da tavola. La bellissima sede del GAM, il bastione di un fortino, il venerdì sera si trasforma in (altro…)

Pasquetta in Castel Sotterra

14:30

Attività svolta il: 21/04/2014

Oggi, Pasquetta, carichi delle abbuffate pasquali cerchiamo di andare a smaltire un po’ di peso con una semplice escursione per effettuare qualche rilievo e anche un po’ di esplorazione su ambienti non “mappati”.

L’obbiettivo era quello di segnare con precisione l’appena scoperto “Ramo degli Ossetti” sulla mappa della grotta.

Come al solito, ci ritroviamo per una rapida colazione a Giavera armati di tutte le migliori intenzioni. Non siamo in tanti, ma agguerriti. Io, Tono, Dado, Dino e Alberto vorremmo provare a documentare la possibilità di poter effettuare un giro ad anello, passando dai rami inferiori fino ai rami superiori della grotta, passando attraverso il ramo dello Scheletro. Pare sia possibile da quanto raccontatoci…

Partiti di buona lena raggiungiamo velocemente (altro…)