Il Cin, dieci anni dopo

12:16

CinSono passati dieci anni, ma il Cin non se ne è andato dal nostro cuore.

Ce lo teniamo stretto come un amico prezioso, quando corriamo sul campo da rugby, scendiamo in profondi abissi o condividiamo l’ennesima bottiglia.

Troppe cose abbiamo vissuto insieme per poter dimenticare.

Sono passati dieci anni: abbiamo pensato di ricordarlo ritrovandoci tutti insieme allo stadio del rugby di Treviso, venerdì 8 maggio, dalle 19,30 in poi.

Ci sarà da bere e da mangiare (non una cena), offerto dalla Tarvisium e dal Gruppo Grotte Treviso.

Le offerte che ognuno vorrà lasciare saranno interamente devolute all’hospice dell’Advar “Casa dei Gelsi” di Treviso – http://www.advar.it/Hospice-Casa-dei-Gelsi.

Vi aspettiamo.

Guido Feletti, Tono De Vivo

 

Cin

Vandali in Castel Sotterra

22:00

Vandali, non saprei come altro descrivere chi ha pensato di “esplorare” il Castel Sotterra per i primi 30 metri con alla mano della vernice rossa per segnare con una bella freccia la direzione dell'uscita.

Ci sono mille modi per segnare da dove si viene senza imbrattare la grotta: cartellini, bastoncini, ometti di sassi, il classico filo di Arianna… tutti metodi ad impatto (quasi) zero, rimovibili in qualsiasi momento.

Esplorare è nella natura umana, ma essendo il Castel e le altre grotte del Montello oramai ben conosciute, rilevate, fotografate e descritte basta contattare noi o un qualsiasi gruppo speleo della zona che saprà darvi informazioni adeguate e soddisfare ogni curiosità.

Per la cronaca, il segno è stato fatto appena dopo Sala Saccardo e prima della Schiena d'Asino, quindi in un punto che è a 5 metri da dove si vede l'uscita. È stata scelta una delle poche rocce con concrezioni bianchissime, per non sbagliare!

Sabato mattina (ore 10.30 del 5 luglio 2014) la vernice/spray era ancora fresca, c'era odore. Li per li abbiamo provato a rimuoverla ma non avendo mezzi a disposizione abbiamo solo coperto la freccia con del fango (foto in alto a destra). Domenica Federico ed io siamo tornati attrezzati ed abbiamo riparato il danno pulendo il possibile.

Sembra assurdo entrare con delle spazzole ed acqua per pulire il Castel ma si può fare, anzi, in questi casi si deve!

Allego alcune foto del prima, durante e dopo la pulizia.

Bo’ de Pavei in compagnia

23:49

Attività svolta il: 06/04/2014

Domenica abbiamo passato una bella giornata in compagnia dei soci e simpatizzanti del gruppo sudret (CAI Treviso) nonché di alcuni componenti del S-Team. Siamo scesi nella grotta Bo' de Pavei, sulla presa 4 del Montello. Il meteo ci ha assistito, niente freddo, caldo o pioggia… meglio di così!

Ci è voluto un bel po' per scendere tutti visto che con il servizio “sicura dall'alto” solo una persona alla volta poteva transitare. La prudenza non è mai troppa, specialmente su queste scalette che si sporcano subito di fango viscido e scivoloso.

Visto il periodo di bel tempo non ci sono stati problemi di stillicidio, tranne le maledette gocce che cadono esattamente sopra all'unico pozzetto che richiede (altro…)

Tavaran Grando

15:11

Attività svolta il: 30/03/2014

Tavaran Grando - Che bello strisciareOggi meravigliosa giornata di sole, senza altri impegni "grotteschi", pur di non restare inattivi ci siamo organizzati con i figli per un'uscita di ricognizione al Tavaran Grando, in vista degli accompagnamenti a gruppi di scuole in Giugno.

Io, i miei figli Agnese e Massimo e il "collega" Stefano siamo partiti per la nostra prima "solitaria".

Il timore era che, viste le abbondanti piogge dell'inverno, l'accesso alla grotta fosse stato "divorato" dal Piave… E in effetti, rispetto alle uscite precedenti, la morfologia del letto del fiume è notevolmente cambiata!

Gli accessi stradali alla grotta sono due essenzialmente, uno da Est e uno da Ovest rispetto a questa. Scegliendo l'accesso Est ci siamo trovati di fronte il fiume che una volta non c'era!. Ora l'acqua scorre proprio a ridosso del sentierino di accesso e in diversi punti è stato portato via e ricoperto da grossi accumuli di legna trasportata dall'acqua.

In ogni caso, guadando con gli stivali nei punti (altro…)

Manutenzione armi in Castel Sotterra

16:49

Attività svolta il: 19/01/2014

La manutenzione degli armi dei rami superiori era stata programmata da tempo. Il meteo avverso non ci fa desistere, anche perché percorreremo rami per lo più fossili. Oggi siamo in sei: io, Dado, Lorena, Dino, Carlo P. e Paolo. Una “tendina d'acqua” ci accoglie nel pozzetto dopo la Schiena d'Asino, la schiviamo con qualche acrobazia.

Concrezione in disfacimento

Sostituiamo il deviatore del pozzo iniziale e lo spostiamo di qualche centimetro per rendere più comoda la discesa e soprattutto la risalita. Alla base c'è un forte stillicidio che va a formare un piccolo ruscello.

Percorriamo gli Argilloni e risaliamo verso i rami superiori. Cambiamo la corda modificando la partenza dell'attacco, che prima era esageratamente distante ed in alto, in modo da risparmiare corda. Tagliamo la corda in eccesso (con estremo dispiacere del nostro magazziniere Dino) e recuperiamo un paio di (altro…)

Traversata Pissatela-Rana

18:08

Attività svolta il: 21/12/2013

Lo scorso giovedì sera, durante la consueta riunione settimanale del gruppo, nel giro di 5 minuti abbiamo deciso di aggregarci per una traversata integrale Buso della Pisatela – Buso della Rana, entrando dall'ingresso alto. Il ritrovo è per sabato mattina al Bar Rana. In tutto siamo 10 speleo, appartenenti a ben 6 gruppi diversi: Treviso, Padova, Verona, Malo, Trevisiol e Roner! Tenere compatto un gruppo di 10 persone è difficile, forse sarebbe meglio essere in meno, ma chi sarebbe disposto a rinunciare ad un'opportunità del genere?

Tra mille incertezze ci cambiamo sotto la tettoia del bar per poi spostarci con due auto verso l'ingresso alto della Pisatela, il bel P50 Pater Noster, situato quasi sulla cima di una collinetta. La nostra guida, Miguel del Gruppo Speleologi Malo, arma la calata ed in poco tempo siamo tutti alla base. Da qui ha inizio la lunga progressione che, senza la necessità di usare gli attrezzi, ci porterà fino all'ingresso (o meglio chiamarlo uscita?) del Buso della Rana. Il meandro Megan Gale è la sintesi di ciò che (altro…)